Navigation

Borsa svizzera vira in positivo

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 ottobre 2012 - 11:37
(Keystone-ATS)

La borsa svizzera, partita in leggera flessione, ha recuperato terreno nel corso della mattinata e si è riportata sopra la soglia della parità: poco prima delle 11.30 l'indice SMI dei titoli guida segna 6'636.28 punti, in crescita dello 0,13%. Avanza dello 0,13% anche l'indice complessivo SPI, a quota 6'122.74.

Tre le aziende e gli istituti di peso che hanno presentato oggi i risultati trimestrali e sulle quali era puntata l'attenzione degli investitori.

Credit Suisse ha annunciato oggi di aver realizzato nel periodo luglio-settembre un utile netto di 254 milioni di franchi, in netto calo sia rispetto al trimestre precedente (788 milioni), sia in confronto a quanto conseguito negli stessi mesi dell'anno scorso (683 milioni). La flessione è però dovuta a fattori straordinari e la borsa ha reagito positivamente: il titolo sta guadagnando l'1,78%.

In discesa invece Novartis (-0,44%), i cui utili trimestrale netti sono stati pari a 2,48 miliardi di dollari, sostanzialmente stabili, su un giro d'affari in calo del 7% a 13,81 miliardi di dollari. In flessione, ma in misura minore, pure ABB (-0,28%): il gruppo ha visto l'utile del terzo trimestre scendere del 4% a 759 milioni di dollari.

Tra i bancari risulta in sostanziale progressione UBS (+0,97%), mentre Julius Bär cede lo 0,15%. Tra gli assicurativi Zurich Insurance guadagna lo 0,60% e Swiss Re lo 0,61%. Nessuna variazione per il gigante dell'alimentare Nestlé, mentre la farmaceutica Roche arretra dello 0,11%.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?