Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'ottimismo sul dossier del debito fa tornare il sereno sui titoli di Stato greci e scatena fortissimi acquisti in Borsa ad Atene, che è aumentata dell'11% finale recuperando il livello pre-elettorale. Una corsa che ha spinto tutti listini europei e soprattutto i mercati dei Paesi 'periferici', con Madrid e Milano salite di due punti e mezzo.

Secondo gli analisti il brusco movimento al rialzo è nato dalle ricostruzioni del Financial Times secondo il quale il ministro delle Finanze greco, Yanis Varoufakis, vorrebbe proporre ai creditori uno doppio 'swap' sui bond in circolazione: uno per la sostituzione dei titoli detenuti dai governi della zona euro con dei nuovi prodotti indicizzati al Pil, mentre l'altro prevedrebbe la sostituzione dei titoli di Stato detenuti dalla Bce con delle 'obbligazioni perpetue'.

Varoufakis non ha commentato, ma intanto la conferma che Atene non intende procedere a tagli unilaterali ha fatto tornare il sereno sui bond ellenici, con il decennale che ha recuperato oltre 130 punti base a un rendimento del 9,2% e il quinquennale migliorato più di 210 'basis point' a un tasso del 12,6%. E la Borsa non ha atteso, con aumenti a due cifre per le banche elleniche: National bank of Greece è salita del 20%, Pireus e Eurobank del 18%, Alpha del 14%, lo stesso rialzo dell'Hellenic telecommunications organization.

Con il prezzo del petrolio che è tornato a salire spingendo i gruppi delle materie prime (Eni +3,7%), sono cresciuti ampiamente anche i listini di Londra (+1,3%) e Parigi (+1%) mentre Francoforte si è mosso più cauto con un aumento finale dello 0,5%, frenato dal calo del 4,5% di Rwe. A Milano molto bene le banche, con Bpm salita del 6,8%, Ubi del 6,1%, Banco popolare del 5,5% e Unicredit del 5% netto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS