Il presidente della Conferenza svizzera dei direttori cantonali della pubblica educazione (CDPE), Christoph Eymann, è contento che il popolo abbia respinto l'iniziativa sulle borse di studio. Un "sì" avrebbe avuto gravi conseguenze sulle università.

Un aumento delle uscite per le borse di studio avrebbe gravato sui budget cantonali dedicati all'istruzione, ha dichiarato Eymann oggi all'ats. Questo avrebbe comportato un peggioramento della qualità scolastica.

L'armonizzazione sul tema comunque continuerà, ha sottolineato. Già l'80% della popolazione vive in un cantone che ha aderito al concordato sulle borse di studio.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.