Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le Borse ignorano gli ultimi affondi di Moody's sull'Italia e in prima battuta tentano il recupero, anche sulla spinta dell'inaspettato successo dell'asta di Madrid e dell'attesa per l'Eurogruppo che dovrà definire il meccanismo dello scudo anti-spread e i dettagli del salvataggio delle banche spagnole. Poi però arriva la delusione per il messaggio del presidente della Federal Reserve Ben Bernanke e i listini azzerano i guadagni, a partire da Wall Street, mentre restano in tensione lo spread (sopra 480 punti) e l'euro.

La piazza peggiore è Milano che chiude in ribasso dello 0,94%. Fa meglio Madrid che archivia un +0,40% seguita da Francoforte (+0,18%), Parigi (-0,09%) e Londra (-0,59%).

Dal presidente della Federal Reserve non è arrivato l'aiuto sperato: nell'attesa audizione alla commissione bancaria del Senato Usa, il governatore si è limitato a ripetere di essere pronto a sostenere l'economia, ma non ha offerto spunti, e soprattutto nessun dettaglio, su concrete misure di stimolo che potessero far prefigurare l'ok a un terzo ciclo di acquisti di Bond.

Una misura "salutare" su cui il mercato scommette da tempo tanto più che il quadro economico tratteggiato da Bernanke è tutt'altro che incoraggiante: crescita "moderata", progressi nel mercato del lavoro "frustranti", fiducia "bassa". E la colpa - dice chiaramente il numero uno della Fed - è in buona parte dell'"Europa che sta rallentando l'economia mondiale" e c'è il rischio che la crisi monti ancora. Il messaggio non è piaciuto. Le piazze del Vecchio Continente hanno azzerato i guadagni raccolti a fatica e a dispetto del taglio del rating su enti locali italiani e banche comunicato nella notte da Moody's.

Sull'iniziale buon umore dei mercati molto aveva contato l'exploit dell'asta spagnola in cui Madrid ha collocato tutto (3,56 miliardi di euro) riuscendo a strappare tassi in ribasso. Sulla scadenza a 12 mesi il rendimento medio è sceso al 3,918% dal 5,074% dell'asta di giugno e per la tranche a 18 mesi il tasso è calato al 4,242% dal 5,107%.

L'euro è risalito sopra 1,23 dollari, per poi chiudere in Europa attorno a 1,2280, mentre per lo spread Btp-Bund è stata tutta una altalena con un picco a quota 490 e un minimo a 471 punti prima di chiudere a 481. A pesare, dicono nelle sale operative, è stato anche l'allarme default della Sicilia più che le prevedibili mosse di Moody's.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS