Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La polizia bosniaca ha arrestato stamani Slobodan Karagic (63 anni), ex comandante dell'unità "Berretti rossi" che operava inquadrata nella polizia serbo bosniaca a Doboj, in Bosnia centrale, per crimini di guerra ai danni di civili.

Lo ha reso noto l'agenzia di stampa Fena. Karagic è indagato per aver partecipato, nel primo anno della guerra in Bosnia (1992-95), all'attacco e l'occupazione della città di Doboj, quando i suoi uomini effettuavano arresti illegali di civili di etnia musulmana e croata, e su suo ordine li rinchiudevano nel lager formato negli hangar militari. È anche sospettato dell'uccisione di almeno 12 vittime musulmane fucilate nel maggio del 1992, dello stupro di due minorenni e di arresti illegali di civili nell'area della poco distante Teslic.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS