Navigation

Bosnia: crimini guerra, arrestato ex ufficiale musulmano

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 marzo 2010 - 20:41
(Keystone-ATS)

SARAJEVO - La polizia bosniaca ha arrestato oggi Hasan Hakalovic, 63 anni, ex ufficiale dell'esercito governativo bosniaco, su ordinanza della procura per crimini di guerra di Sarajevo. Lo hanno reso noto i media.
L'accusa nei suoi confronti è di crimini di guerra ai danni della popolazione civile del villaggio di Trusina, presso Konjic, 50 chilometri a sud di Sarajevo, commessi nell'aprile del 1993, primo anno della guerra in Bosnia (1992-95).
In quell'occasione, alcuni appartenenti all'unità "Zulfikar" delle forze governative uccisero 22 croati bosniaci, dei quali 19 erano civili e tre militari, che si erano in precedenza consegnati, mentre altre quattro persone, fra le quali due bambini, rimasero ferite.
Secondo l'accusa, Hakalovic aveva saputo del crimine ma non fece nulla per punirne gli autori. Con la stessa accusa sono già stati arrestati il comandante e il vicecomandante dell'unità "Zulfikar", e in precedenza anche i quattro militari accusati di essere gli esecutori materiali dell'eccidio.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?