Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

SARAJEVO - I resti di oltre cento persone, con tutta probabilità vittime del massacro di Srebrenica, sono stati trovati ed esumati da alcune fosse comuni non lontane dalla località bosniaca dove nel luglio 1995 ottomila musulmani furono uccisi dalle forze serbo-bosniache.
Secondo i media locali, le operazioni di esumazione - cominciate in giugno - sono in corso in particolare intorno alla località di Zalazje.
Sadik Selimovic, dell'Istituto bosniaco per le persone disperse, ha detto che dalle otto fosse comuni interessate dalle operazioni sono stati esumati i resti di circa 120 persone. Tali resti, ha aggiunto, sono stati inviati al Centro di identificazione di Tuzla.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS