Navigation

Bosnia: Srebrenica, trovati resti vittime in fosse comuni

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 agosto 2010 - 20:11
(Keystone-ATS)

SARAJEVO - I resti di oltre cento persone, con tutta probabilità vittime del massacro di Srebrenica, sono stati trovati ed esumati da alcune fosse comuni non lontane dalla località bosniaca dove nel luglio 1995 ottomila musulmani furono uccisi dalle forze serbo-bosniache.
Secondo i media locali, le operazioni di esumazione - cominciate in giugno - sono in corso in particolare intorno alla località di Zalazje.
Sadik Selimovic, dell'Istituto bosniaco per le persone disperse, ha detto che dalle otto fosse comuni interessate dalle operazioni sono stati esumati i resti di circa 120 persone. Tali resti, ha aggiunto, sono stati inviati al Centro di identificazione di Tuzla.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.