Navigation

Bossi si scusa per figli, grida a complotto

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 aprile 2012 - 07:38
(Keystone-ATS)

Il leader della lega Nord Umberto Bossi ieri sera si è scusato piangendo con i militanti per i "danni fatti" dai figli, ma ha gridato al "complotto" contro il Carroccio e ha invocato un partito unito.

Alla manifestazione dell'orgoglio leghista di Bergamo il "senatur" ha siglato un patto con Roberto Maroni, che ha annunciato l'anticipazione del congresso a giugno per scegliere il nuovo segretario. La platea ha chiesto l'espulsione di Rosy Mauro, ma la vicepresidente del Senato ha detto che non vuole dimettersi. Maroni ha risposto "ci penserà la Lega a dimetterla" e ha annunciato l'espulsione dell'amministratore Belsito.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?