Navigation

Bp: operazione chiusura procede, cemento tiene

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 agosto 2010 - 20:35
(Keystone-ATS)

WASHINGTON - I tecnici di BP hanno espresso soddisfazione oggi per come nel Golfo del Messico procedono le operazioni riguardanti la chiusura definitiva del pozzo Macondo, all'origine della marea nera.
Il cemento "tiene", da quando l'operazione è cominciata non sono state registrate controindicazioni di sorta e se tutto procederà come previsto, nelle prossime ore il pozzo sarà chiuso per sempre.
Nello stesso tempo uno dei responsabili di BP, Doug Suttles, non ha escluso che un domani BP possa procedere con nuovi pozzi nel Golfo del Messico. "Vi è ancora molto petrolio e molto gas, ora noi dobbiamo riflettere su cosa fare", ha dichiarato.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.