Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Canton Ticino, e con esso Berna, Basilea Città, Basilea Campagna, Vaud, Ginevra e Soletta - potranno continuare i test in corso col braccialetto elettronico per il controllo a distanza dei condannati.

La relativa autorizzazione, che scadeva a fine anno, è stata prolungata oggi dal Consiglio federale.

Il monitoraggio elettronico, o electronic monitoring, è impiegato per le pene detentive di breve durata al posto del collocamento in un penitenziario e prima della liberazione condizionale nel caso di pene detentive di lunga durata che volgono al termine, precisa una nota odierna del Dipartimento federale di giustizia e polizia.

L'autorizzazione appena rinnovata regola anche espressamente l’impiego di sistemi di sorveglianza satellitare (GPS), precisa la nota.

In futuro, l'uso del braccialetto elettronico dovrebbe estendersi a tutto il territorio nazionale, come prevedono i cambiamenti apportati lo scorso giugno dal Parlamento al diritto sanzionatorio. Prima però dell'entrata in vigore effettiva di simili modifiche, i Cantoni hanno chiesto tempo per adeguare le rispettive leggi d'esecuzione delle pene e dotarsi dell'infrastruttura necessaria.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS