Un biologo spagnolo, Gonzalo Alonso Hernandez, 49 anni, è stato assassinato a Rio Claro, comune a 130 chilometri da Rio de Janeiro, per le sue ripetute denunce contro i crimini ambientali. Il suo cadavere è stato trovato galleggiante in un fiume del Parco statale Cunhambebe. La polizia, che ha individuato ferite di arma da fuoco alla testa, è convinta che sia stato ucciso per rappresaglia.

L'uomo "difendeva le specie in via di estinzione e la caccia predatoria dentro il parco", ha spiegato il commissario titolare delle indagini, Marco Antonio Alves.

Secondo un amico della vittima, che ha preferito restare anonimo, la morte del biologo è stata "una tragedia annunciata". In Brasile, questo tipo di omicidi continua ad essere frequente: secondo fonti ufficiali, nel solo Stato del Parà dal 1964 al 2010 sono stati assassinati 914 attivisti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.