Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La giustizia brasiliana ha bloccato i beni dei colossi minerari Vale e Bhp per il gravissimo disastro ambientale provocato lo scorso 5 novembre dal cedimento di due dighe di una miniera di ferro a Mariana, nello Stato di Minas Gerais.

La decisione firmata dal giudice Marcelo Aguiar Machado, del tribunale federale di Belo Horizonte, è stata motivata dal fatto che Samarco - la compagnia di estrazione a cui appartiene la miniera - non avrebbe un patrimonio sufficiente per pagare i danni.

La brasiliana Vale e l'anglo-australiana Bhp sono proprietarie della Samarco e come tali dovranno quindi rispondere al suo posto per il pregiudizio stimato in oltre 5 miliardi di euro. Vale ha già reso noto che farà ricorso contro la sentenza.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS