Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un ex dirigente di Petrobras, Pedro Barusco, ha ammesso di aver iniziato a ricevere tangenti "su iniziativa personale" sin dal 1997. Le dichiarazioni sono state rese alla commissione parlamentare d'inchiesta che a Brasilia sta investigando presunte irregolarità commesse all'interno della statale del petrolio.

Petrobras è al centro di indagini anche della polizia nell'ambito dell'operazione 'Lava Jato' (Autolavaggio), che nei mesi scorsi ha portato in carcere l'ex direttore dell'ente, Paulo Roberto Costa, insieme ad altre 49 persone, tra imprenditori, manager e affaristi.

Barusco, nel frattempo divenuto collaboratore di giustizia, ha inoltre affermato che tra i 150 e i 200 milioni di dollari di mazzette sarebbero stati versati al Partito dei lavoratori (Pt, di sinistra), di cui fa parte la presidente della Repubblica, Dilma Rousseff.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS