Circa 5000 contadini di tutte le regioni brasiliane si sono messi in movimento ieri da tre distinte città per partecipare alla "Marcia nazionale Lula libero", che arriverà a Brasilia il 14 agosto per una grande manifestazione fissata per il giorno successivo.

Organizzata dal Movimento dei lavoratori rurali "Sem Terra" (MST) e da "Via Campesina", federazione mondiale delle organizzazioni del settore agricolo, la marcia ha due obiettivi: esigere che l'ex presidente Luiz Inácio Lula da Silva, in carcere a Curutiba per corruzione dal 7 aprile scorso, possa partecipare alla campagna elettorale in cui è candidato, e attirare l'attenzione della popolazione per la grave crisi economica e politica che attraversa il Brasile.

In quattro giorni i contadini percorreranno a piedi 50 chilometri, divisi in tre colonne. Una prima è partita da Formosa e una seconda da Luziânia, entrambe località dello Stato di Goiás, mentre la terza ha lasciato nel pomeriggio Engenho das Lages, nel Distretto Federale.

Dopo il loro arrivo a Brasilia il 14 agosto, i contadini parteciperanno 24 ore dopo ad una manifestazione di appoggio a Lula in coincidenza dell'ultimo giorno utile per depositare le candidature presso il registro elettorale brasiliano.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.