Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È giunta al sesto giorno consecutivo, in Brasile, la protesta dei camionisti contro il rincaro del diesel, il costo del pedaggio e il prezzo del trasporto: file chilometriche di tir si sono formate in almeno sette Stati (Rio Grande do Sul, Paranà, Santa Catarina, Minas Gerais, Mato Grosso, Mato Grosso do Sul e Goias), paralizzando il traffico e compromettendo, da ultimo, anche le esportazioni agroalimentari, come quelle di pollame e suini (un affare da 27 milioni di dollari al giorno). E nei principali centri urbani iniziano già a scarseggiare cibo e carburante.

Lo sciopero è stato proclamato a tempo indeterminato dalla categoria. L'Avvocatura dello Stato ha intanto chiesto al ministero della Giustizia d'imporre multe da 100 mila reais (circa 30 mila franchi) per ogni ora in cui i camionisti si rifiuteranno di liberare il regolare flusso automobilistico.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS