Navigation

Brasile: si estende rivolta indios, azioni protesta in 3 Stati

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 giugno 2013 - 16:14
(Keystone-ATS)

Si sono estese a tre Stati del Brasile le azioni di protesta degli indios locali per rivendicare il loro diritto alla terra: dopo aver invaso sette proprietà rurali a Sidrolandia, nel Mato Grosso do Sul, comunità indigene hanno organizzato manifestazioni anche a Curitiba, nel Paranà, e Porto Alegre, nel Rio Grande do Sul.

La rabbia è salita anche nei confronti del governo della presidente Dilma Rousseff, oggetto di pesanti critiche da parte del Consiglio indigenista missionario (Cimi): "Le demarcazioni sono paralizzate dal governo federale e dai ruralisti", accusa in una nota l'organo legato alla Conferenza episcopale brasiliana. I popoli originari del Paese sudamericano, stanchi di attendere invano la realizzazione dell'agognata riforma agraria, hanno così deciso di scendere in piazza, con archi e frecce, per chiedere indietro i possedimenti dei loro antenati.

Nella zona del Mato Grosso do Sul, in particolare - dove la settimana scorsa un indio è morto a seguito di scontri con la polizia durante un'azione di sgombero - la situazione continua a rimanere tesa. Ma il clima è infuocato anche altrove: gli indigeni che vivono sulle rive del fiume Xingu, in Amazzonia, sono tornati ad occupare il principale cantiere della mega-diga di Belo Monte, sempre più disposti ad andare fino in fondo in assenza di risposte concrete da Brasilia sugli effetti collaterali provocati nella regione dalla costruzione dell'impianto.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.