Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Terremoto politico in Brasile per lo scandalo sulle presunte mazzette pagate a partiti ed esponenti politici dal colosso petrolifero statale Petrobras. Il procuratore generale Rodrigo Janot ha consegnato alla Corte suprema una lista contenente i nomi di 54 politici per i quali ha chiesto l'apertura di una inchiesta.

Nella lista vi sarebbero, secondo indiscrezioni di stampa, anche i nomi degli attuali presidenti di Camera e Senato nonché dell'ex presidente Fernando Collor, che sarebbero già stati stati informati da Janot. Il presidente della Camera, Eduardo Cunha, e quello del Senato, Renan Calheiros, entrambi dello stesso partito di centro e alleati di governo della presidente Dilma Rousseff, hanno però negato di essere stati informati. Così come ha fatto anche Collor.

La "lista nera" di Janot non è stata ancora resa pubblica ma è trapelato che contiene 28 denunce contro 58 politici, per i quali la procura chiede l'autorizzazione a procedere. Il procuratore generale ha preteso che la lista venga resa nota nella sua interezza per mettere fine alle speculazioni. E i palazzi del potere tremano perché la "lista nera" potrebbe causare un terremoto politico dalle conseguenze imprevedibili.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS