Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Brexit: accordo in bilico, tensioni in consiglio ministri Gb

L'inquilina di Downing Street Theresa May deve fronteggiare le perplessità di almeno una dozzina di ministri conservatori sulle ipotesi di accordo con l'Ue

KEYSTONE/EPA/FACUNDO ARRIZABALAGA

(sda-ats)

Tornano le tensioni nel governo conservatore britannico, convocato oggi dalla premier Theresa May per fare il punto sulle ipotesi d'accordo con l'Ue in vista della stretta finale dei tempi supplementari dei negoziati di Bruxelles sulla Brexit.

Secondo i media, May deve fronteggiare le perplessità di almeno una dozzina di ministri, guidati dal titolare degli Esteri, Jeremy Hunt, e dallo stesso responsabile del dicastero della Brexit, Dominic Raab, su una possibile bozza d'intesa, già trapelata sul Sunday Times, basata su una permanenza temporanea dell'intero Regno Unito nell'unione doganale europea.

A complicare le cose c'è il fatto che il premier irlandese, Leo Varadkar, ha fatto sapere - dopo un colloquio avuto ieri con May nel quale pure erano stati segnalati "progressi" - di non aver alcuna intenzione di concedere a Londra il diritto "unilaterale" di decidere quando eventualmente ritirarsi da questa soluzione provvisoria (garantita dal meccanismo del "backstop"), laddove l'accordo finale sulle relazioni future dovesse poi tardare.

L'opposizione laburista britannica ha escluso oggi per bocca del cancelliere dello Scacchiere ombra, John McDonnell, di essere disposta a dare sponde di sorta alla premier e ha affermato di continuare a essere favorevole solo a una permanenza definitiva, non transitoria, di Londra in una nuova unione doganale.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.