Sono più di 3 mila gli episodi di odio a sfondo razziale o confessionale denunciati in Gran Bretagna nelle due settimane a cavallo della campagna del referendum sulla Brexit, alimentata anche da forti polemiche sul tema dell'immigrazione.

Lo rende noto la polizia sottolineando che i dati si riferiscono a Inghilterra, Galles e Irlanda del Nord e che rappresentano un incremento di ben il 42% rispetto allo stesso periodo del 2015.

Il vicecapo della polizia Mark Hamilton ha parlato di "un'inaccettabile impennata" che mina "il valore della tolleranza e della diversità" che invece la società britannica "deve esaltare". Il fenomeno è stato sottolineato nei giorni scorsi anche in parlamento e condannato tanto dall'opposizione laburista che da quella indipendentista scozzese, nonché dalle file della maggioranza di governo conservatrice.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.