Navigation

Brexit: elezioni, passa emendamento che rallenta iter

Un emendamento ritarda l'iter verso le elezioni KEYSTONE/EPA UK PARLIAMENT/JESSICA TAYLOR / UK PARLIAMENT HANDOUT sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 29 ottobre 2019 - 16:01
(Keystone-ATS)

Primo intoppo per il governo Tory di Boris Johnson sulla strada dell'approvazione della legge presentata oggi alla Camera dei Comuni per ottenere la convocazione di elezioni anticipate il 12 dicembre.

Malgrado il via libera ufficiale del Labour, i deputati hanno fatto passare con 312 sì e 295 no un emendamento preliminare presentato dalla laburista Stella Creasy che mira a rallentare l'iter del progetto di legge: esso prevede la possibilità di provare a emendare il testo (per esempio proponendo di cambiare la data o di concedere diritto di voto a 16enni e 17enni o a cittadini di Paesi Ue residenti stabilmente nel Regno) durante il dibattito.

La proposta originaria presentata dal ministro Jacob Rees-Mogg, Leader of the House, prevedeva invece un testo di fatto blindato, emendabile solo dal governo e destinato a completare sicuramente il suo iter ai Comuni entro oggi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.