Navigation

Brexit: Guardian, ecco proposte Gb per ridurre immigrati Ue

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 settembre 2017 - 20:35
(Keystone-ATS)

Il Guardian online ha rivelato le proposte per ridurre l'immigrazione europea elaborate dal governo di Theresa May per il dopo Brexit. Si tratta di un documento dell'Home Office in cui si elencano una serie di possibili misure.

È previsto che la libera circolazione dei lavoratori finisca subito dopo l'uscita del Paese dall'Ue, che venga scoraggiato l'ingresso di lavoratori non qualificati con permessi di residenza della durata di massimo due anni e che sia introdotto l'obbligo del passaporto alla frontiera.

Il documento è datato agosto 2017 e, sottolinea il giornale, punta a dare priorità ai britannici nell'accesso ai posti di lavoro. Per i lavoratori Ue qualificati sono proposti invece permessi di residenza più lunghi, da 3 fino a 5 anni.

Fra le altre potenziali restrizioni, quelle riguardanti i ricongiungimenti familiari, col rischio che molte famiglie siano così divise. Nello stesso documento si precisa però che si tratta solo di proposte, che devono essere approvate dai ministri e "sono soggette ai negoziati con l'Ue".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo