Navigation

Brexit: Javid ammette, uscita il 31 ottobre è tramontata

Il cancelliere dello Scacchiere britannico, Sajid Javid (foto d'archivio) KEYSTONE/EPA/NEIL HALL sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 25 ottobre 2019 - 14:05
(Keystone-ATS)

Il cancelliere dello Scacchiere britannico, Sajid Javid, responsabile dell'Economia nel governo Tory del premier Boris Johnson, ha riconosciuto oggi esplicitamente che la Brexit non potrà essere portata a termine, come ormai evidente, il 31 ottobre.

La scadenza che lo stesso Johnson aveva indicato come questione "di vita o di morte" non verrà dunque rispettata.

Per Javid il mancato obiettivo è stato tuttavia colpa delle opposizioni. "Il governo ha fatto tutto il possibile", trovando un nuovo accordo con Bruxelles, "ma non ha la maggioranza in Parlamento".

Sarebbe "servita la cooperazione dell'opposizione" dopo "3 anni e mezzo di rinvii su rinvii seguiti alla decisione presa dal popolo" nel referendum del 2016, ha detto, "e invece Jeremy Corbyn, come leader dell'opposizione, ha deciso di porre il suo interesse prima di quello nazionale continuando a "tergiversare e dilazionare" e prolungando "l'incertezza".

Javid ha infine annunciato che la presentazione della manovra di bilancio prevista il 6 novembre è a questo punto sospesa, fino a che il Parlamento non deciderà sulle elezioni anticipate.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.