Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Bank of England si prepara al peggio in vista del referendum sulla Brexit. È lo stesso governatore della banca centrale inglese, Mark Carney, a dirlo di fronte a una commissione della Camera dei Comuni.

La banca sta lavorando a un piano di intervento per affrontare l'ipotesi che il Paese esca dall'Unione europea e si apra uno scenario economico senza precedenti.

Quello che il premier britannico David Cameron ha definito anche oggi, nel primo incontro pubblico della sua campagna nazionale pro Ue, un possibile "salto nel buio".

Carney, pur dovendo mantenere una posizione di equilibrio rispetto ai due schieramenti in favore e contro Bruxelles, non ha potuto tacere sui rischi che corre la sterlina e di conseguenza l'economia britannica.

Ha sottolineato che l'incertezza del momento politico sta causando instabilità per la divisa - anche oggi apparsa sotto pressione rispetto a dollaro ed euro dopo i minimi toccati ieri - e che si potrebbe indebolire ulteriormente da qui al 23 giugno, quando i sudditi di sua maestà saranno chiamati al voto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS