Navigation

Brexit: per ora nessun cambiamento fra Berna e Londra

L'addio di Londra a Bruxelles per ora non avrà strascichi per la Svizzera. KEYSTONE/EPA/STEPHANIE LECOCQ sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 31 gennaio 2020 - 12:05
(Keystone-ATS)

La Brexit, che si concretizzerà a mezzanotte, non comporterà a breve termine cambiamenti nelle relazioni fra Berna e Londra. Gli accordi bilaterali in vigore tra la Svizzera e l'Ue si applicheranno infatti al Regno Unito almeno fino al 31 dicembre 2020.

Questo periodo transitorio previsto nell'intesa di recesso è prorogabile di uno o due anni.

La Confederazione potrà sfruttare la transizione per definire meglio le future relazioni con il Regno Unito nell'ambito della sua strategia "Mind the gap", ricorda oggi in un comunicato il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE). In questi mesi, Londra continuerà a far parte del mercato interno dell'Unione europea e dell'unione doganale.

La Brexit ha comunque forti implicazioni anche per la Svizzera in qualità di Paese terzo, viene precisato nella nota. Regno Unito e Ue sono infatti suoi partner politici ed economici di rilievo. Le relazioni giuridiche tra Londra e Berna sono disciplinate in larga misura dagli accordi bilaterali, che cesseranno di applicarsi alla fine del periodo transitorio.

In vista della Brexit, per garantire il mantenimento dei diritti e dei doveri tra i due Paesi, nell'ottobre 2016 il Consiglio federale ha adottato la strategia "Mind the gap". Successivamente sono stati conclusi cinque nuovi accordi nei settori del commercio, del trasporto stradale, del trasporto aereo, delle assicurazioni e dei diritti dei cittadini. Entreranno in vigore alla fine della transizione e permetteranno di disporre di un'ulteriore finestra temporale per completare o sviluppare queste soluzioni sostitutive agli accordi bilaterali.

Nel 2018, il Regno Unito era il sesto partner commerciale della Confederazione, con un volume di scambi di oltre 36 miliardi di franchi. Nel 2017 era il terzo mercato in ordine di importanza per le esportazioni elvetiche di servizi e la Svizzera era la terza piazza per gli investimenti diretti britannici.

Inoltre, ogni anno vengono effettuati 58'600 voli tra le due nazioni. Oltremanica vivono 34'500 cittadini elvetici e in Svizzera risiedono 43'000 britannici.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.