Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo il "sì" dei britannici all'uscita dall'Ue, l'Unione sindacale svizzera (USS) teme innanzitutto il rafforzamento del franco, di cui si è già avuto un assaggio stamane.

L'USS si aspetta che la Banca nazionale svizzera faccia il possibile per combattere questo rafforzamento, ha detto all'ats il suo segretario generale Daniel Lampart: la BNS deve impedire le conseguenze nefaste del voto britannico sull'economia elvetica.

A suo avviso, la decisione britannica va considerata come legata all'assenza nel Regno Unito di misure di accompagnamento efficaci per proteggere i salari e le condizioni di lavoro, contrariamente a quanto avvenuto in Germania e in Austria.

Secondo l'USS, la Brexit non deve rimettere in questione gli accordi bilaterali tra Svizzera e Ue: "I nostri vicini, che costituiscono i principali mercati di esportazione, sono tutti membri dell'Unione europea". La Svizzera deve dunque mantenere buoni rapporti con loro, secondo Lampart.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS