Navigation

Bulgaria: arrestato il ministro dell'Ambiente

Il ministro bulgaro dell'Ambiente e delle Acque, Neno Dimov, è agli arresti per 24 ore nell'ambito di una inchiesta per accertare i responsabili del drastico razionamento dell'acqua nella città di Pernik e in altri centri abitati. KEYSTONE/AP/vp sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 09 gennaio 2020 - 21:03
(Keystone-ATS)

Su ordine della procura speciale bulgara questa sera è stato disposto l'arresto per 24 ore, dopo un lungo interrogatorio, del ministro dell'Ambiente e delle Acque, Neno Dimov.

L'arresto è stato deciso nell'ambito di un'operazione su vasta scala condotta dalla procura speciale unitamente al Servizio per la sicurezza nazionale (Dans), in una inchiesta per accertare i responsabili del drastico regime di razionamento dell'acqua nella città di Pernik e in altri centri abitati, e dell'importazione illegale di rifiuti dall'Italia.

Sono stati interrogati anche dirigenti degli enti specializzati per la gestione delle risorse idriche e per i permessi di stoccaggio e lavorazione di rifiuti provenienti da altri paesi. Nel dicembre scorso era stata sequestrata in Italia una spedizione di balle di rifiuti non in regola che, secondo le indagini dei carabinieri di Milano, dovevano essere trasportate in Bulgaria.

Secondo gli osservatori, è molto probabile che il ministro Dimov si dimetta, senza però provocare una crisi parlamentare nel paese.

Intanto l'opposizione socialista ha annunciato un voto di sfiducia al governo ritenuto incapace di gestire le risorse idriche del paese.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.