Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il partito conservatore Gerb di Boiko Borisov ha vinto le elezioni

KEYSTONE/EPA/GEORGI LICOVSKI

(sda-ats)

In Bulgaria il partito conservatore Gerb dell'ex premier Boyko Borissov ha vinto oggi, secondo i primi exit poll, le elezioni politiche anticipate con circa il 33% dei voti.

Si è trattato del primo appuntamento elettorale a livello nazionale in un Paese Ue dopo la firma, ieri, della Dichiarazione di Roma in occasione delle celebrazioni nella capitale italiana per il 60esimo anniversario della sigla dei Trattati.

Al secondo posto nelle politiche di Bulgaria il Partito socialista di Kornelia Ninova, con poco più del 28% dei voti, con un recupero di consensi dopo il minimo storico del 16% alle elezioni anticipate del 2014. Sia i conservatori sia i socialisti sono su posizioni fondamentalmente europeiste, con la differenza che i socialisti si mostrano più morbidi con Mosca e auspicano l'abolizione delle sanzioni contro la Russia. Sono inoltre schierati contro l'accordo Ceta tra l'Ue il Canada.

Gli exit poll tuttavia non danno ancora per certo chi si piazzerà al terzo posto, ancora conteso tra la coalizione nazionalista Patrioti uniti (8,8%) e il Movimento per diritti e libertà (Dps, 7,8%), il partito della minoranza turca in Bulgaria. La sorpresa del voto odierno è stato l'ingresso in parlamento del partito Volia (Volontà) dell'imprenditore Vesselin Mareshki che ha superato lo sbarramento del 4 per cento ottenendo il 4,6%. Intorno allo sbarramento gravitano alcune formazioni di destra la cui sorte però sarà decisa al termine dello spoglio delle schede. L'affluenza alle urne è stata intorno al 50%.

Numeri alla mano, i conservatori non sono pero' riusciti neanche questa volta a ottenere una solida maggioranza in parlamento e sarà difficile la formazione di un nuovo governo. Boyko Borissov, al quale con tutta probabilità verrà affidato l'incarico, ha dichiarato stasera a caldo che formerà "un nuovo governo che sia al passo delle nuove realtà nell'Ue e nel mondo". Diversi analisti non escludono una larga coalizione tra il Gerb e i socialisti in vista della presidenza bulgara dell'Ue a partire dal primo gennaio 2018. Una prospettiva questa che non appare tuttavia molto credibile al momento.

Le operazioni di voto in Bulgaria - che a dieci anni dall'ingresso nella Ue resta il Paese più povero dell'Unione, con la corruzione che permane ancora su livelli preoccupanti - si sono svolte in tranquillità e senza ulteriori incidenti per quello che è stato definito il "turismo elettorale", vale a dire il massiccio arrivo in Bulgaria dalla vicina Turchia di persone di etnia turca con passaporto bulgaro, intenzionate a votare per le formazioni politiche rappresentanti della minoranza turca in Bulgaria. Tale fenomeno ha provocato alla vigilia del voto diffuse proteste, con il blocco della frontiera tra i due Paesi da parte di attivisti della coalizione nazionalista bulgara Patrioti Uniti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS