Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In Bulgaria per circa cinque ore attivisti della coalizione nazionalista Patrioti uniti hanno bloccato il valico di frontiera di Kapitan Andreevo, al confine con la Turchia, per impedire l'ingresso nel Paese di persone di etnia turca con passaporto bulgaro.

Si tratta di persone intenzionate in maggioranza a votare domenica per il Movimento dei diritti e delle libertà oppure per Dost, tutti e due partiti che sono espressione della minoranza turca in Bulgaria.

I media bulgari, parlando del cosiddetto "turismo elettorale", hanno mostrato località in Turchia dove i viaggi organizzati in bus verso la Bulgaria degli elettori in questione sono offerti a titolo gratuito, compreso vitto e alloggio.

Al punto di frontiera di Kapitan Andreevo ci sono stati scontri tra nazionalisti e i "turisti elettorali" provenienti dalla Turchia che, scesi dai pullman bloccati, hanno proseguito a piedi per salire, un chilometro oltre il valico di frontiera, su altri bus che li aspettavano per proseguire verso l"interno del paese.

La gendarmeria bulgara è intervenuta e ha disperso i manifestanti liberando la strada.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS