Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il presidente della Confederazione Didier Burkhalter si è mostrato "molto preoccupato" in qualità di presidente dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) dopo l'abbattimento di un aereo ucraino e l'escalation delle violenze.

Il ministro a capo del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) condanna l'abbattimento dell'aereo ucraino a Lugansk, in cui sono morte diverse decine di persone, si legge in un comunicato dell'OSCE diffuso ieri sera.

Durante colloqui tra rappresentanti ucraini, russi e dell'OSCE negli scorsi giorni si è arrivati a progressi per una soluzione politica della crisi. Tutte le parti devono risolvere le proprie differenze con il dialogo e non con la violenza.

Burkhalter si è mostrato anche preoccupato per l'assalto di ieri contro l'ambasciata russa a Kiev. Le autorità ucraine devono fare tutto il possibile per garantire la sicurezza di tutte le missioni diplomatiche, afferma il presidente dell'OSCE.

SDA-ATS