Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo l'intesa sul nucleare iraniano la Svizzera vuole revocare le sanzioni contro Teheran quanto prima possibile: lo afferma il consigliere federale Didier Burkhalter in un'intervista alla "NZZ am Sonntag".

Il governo esaminerà accuratamente il dossier e prenderà una decisione in piena autonomia: "la cancellazione delle sanzioni, afferma il ministro degli esteri, deve avvenire il più rapidamente possibile ma il nostro modo di procedere dovrà avere quale obiettivo un'applicazione dell'intesa che sia efficace e conforme a quanto stipulato".

La Svizzera ha varato sanzioni contro l'Iran nel febbraio del 2007 e con il trascorrere degli anni le ha adeguate a quelle dei suoi principali partner commerciali.

Le misure restrittive decise dalla comunità internazionale dovrebbero essere progressivamente revocate, non appena l'Agenzia dell'energia atomica (AIEA) confermerà che l'Iran rispetta gli impegni presi: un primo via libera potrebbe giungere all'inizio del 2016.

Con il riavvicinamento tra Washington e Teheran la Svizzera, come avvenuto per Cuba, perderà il mandato di rappresentanza degli interessi americani in Iran, che esercita dal 1980: ma tutto ciò non avrà ripercussioni negative sulla diplomazia elvetica. La missione di garantire "buoni servizi" sta cambiando perché cambiano i conflitti: "oggi la rottura delle relazioni diplomatiche tra stati è un fatto raro". La soluzione dei conflitti esige altre competenze, come la promozione del dialogo e in questo ambito "la Svizzera ha esperienza", afferma Burkhalter.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS