Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La notizia ha scosso il mondo della cultura: Leila Alaoui, la giovane fotografa franco-marocchina ferita durante gli attentati di al Qaida a Ouagadougou, in Burkina Faso, non ce l'ha fatta.

Riconosciuta come una delle fotografe tra le più talentuose della scena marocchina, la Alaoui aveva 33 anni e vantava già varie esposizioni, dagli Usa al Libano. Suoi ritratti sono esposti in questi giorni al Museo Mohammed VI di Arte moderna e contemporanea di Rabat.

Venerdì scorso, stava cenando quando si è trovata al centro della tragedia di Ouagadougou. Christine, la madre, aveva dato i dettagli: "È ferita alle gambe e alle braccia; ha perso molto sangue". Poi sono sopraggiunte complicazioni respiratorie innanzitutto. Nella notte tra lunedì e martedì, dopo un intervento d'urgenza, la situazione è precipitata.

Tra i ricordi più accorati, c'è quello dello scrittore Tahar Ben Jelloun che dedica alla fotografa la sua rubrica settimanale sul sito d'informazione marocchino Le360.ma. "Oggi il mondo dell'arte perde una stella - scrive l'autore di 'Creatura di sabbia' - ed è accaduto che si trovasse sulla scena, suo luogo di creazione, quando la crudeltà dei barbari l'ha colpita". Leila Alaoui era in Burkina Faso per conto di Amnesty International.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS