Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Una busta contenente una sostanza che si sospetta sia ricina, molto tossica e letale per l'uomo, è stata indirizzata al presidente americano Donald Trump.

La voce, trapelata sui media, è stata confermata dal Secret Service, l'agenzia federale che vigila sulla sicurezza del presidente Usa, che non ha diffuso altri dettagli se non che la busta datata 1 ottobre non è mai entrata alla Casa Bianca. Ieri due buste simili indirizzate al segretario alla Difesa, James Mattis, e al capo della Us Navy, John Richardson, erano state scoperte al Pentagono.

Gli investigatori pensano che i due episodi, quello delle lettere al Pentagono e quello della lettera a Trump, siano collegati.

In corso ancora esami per verificare se - come emerso dai primi test - la sostanza contenuta nei plichi sia davvero ricina. Sostanza in passato usata per attentati terroristici e di cui bastano 0,5 milligrammi per provocare effetti letali sull'uomo.

Se ingerita la ricina causa nausea, vomito ed emorragie interne allo stomaco e all'intestino, che possono essere seguite da insufficienza epatica, della milza e dei reni, portando nei casi più gravi alla morte per arresto del sistema cardiocircolatorio.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS