Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Almeno venti tonnellate di hascisc sono state recuperate dalla Guardia di finanza italiana a bordo della nave Jupiter, sotto sequestro da oltre due settimane nel porto di Cagliari, in Sardegna, e già ribattezzata la 'nave dei misteri'.

In questi giorni i militari delle Fiamme gialle hanno svuotato il pesantissimo carico di granito che l'imbarcazione, battente bandiera delle Isole Cook, trasportava a copertura dell'ingente quantitativo di droga. La Jupiter era stata intercettata al largo delle coste tunisine il 29 settembre scorso nell'ambito di una operazione che avrebbe coinvolto non solo la Finanza ma anche le polizie internazionali.

Era stata segnalata per un trasporto sospetto. Le motovedette d'altura delle Fiamme gialle avevano scortato la nave fino allo scalo di Cagliari, quindi trasferita dal molo Sabaudo, dove era stata inizialmente ormeggiata, al porto canale. Qui la scorsa settimana, dopo il sequestro deciso dalla sostituta procuratrice Rita Cariello nel quadro di una inchiesta internazionale, sono scattate le perquisizioni e sono iniziate le operazioni di scarico del granito.

La Jupiter è stata setacciata palmo a palmo e in queste ore è stato scoperto il carico di droga, uno dei più ingenti effettuati in Sardegna. Al momento si stimano almeno venti tonnellate di hascisc, ma le operazioni non sono state ancora ultimate.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS