Navigation

Calmy-Rey: rinegoziare accordo quadro e pagare più soldi a Ue

Calmy-Rey ha le idee chiare sulle relazioni con l'Unione europea. KEYSTONE/SALVATORE DI NOLFI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 15 settembre 2019 - 12:00
(Keystone-ATS)

La Svizzera deve tornare a rinegoziare l'accordo quadro con l'Ue e nel contempo, per mostrare buona volontà, allargare ulteriormente i cordoni della borsa nell'ambito del miliardo di coesione: è questa la ricetta dell'ex consigliera federale Micheline Calmy-Rey.

"Dobbiamo rinegoziare", afferma l'ex ministra degli esteri (2003-2011) in un'intervista pubblicata oggi dal SonntagsBlick. Il Consiglio federale parla attualmente ancora solo di "precisazioni" dell'intesa concordata: ma cambierà idea, si dice convinta Calmy-Rey. "La situazione di stallo può essere superata, ma occorre prendersi il tempo per trovare un consenso interno, questo è decisivo. Il popolo ha l'ultima parola. E l'attuale proposta non ha buone chances alle urne".

Ma l'Ue dice che questo accordo è da prendere o lasciare, osserva l'intervistatore: "non sono così sicura, questa è tattica negoziale", risponde la 74enne. "Se riusciamo a proteggere le condizioni di lavoro e i salari in Svizzera, nonché a creare un meccanismo diverso di risoluzione delle contese l'accordo riuscirà. Tutti sono interessati in tal senso". "D'altra parte la Svizzera può fare di più", aggiunge l'ex consigliera di stato ginevrina (1997-2002) "Per esempio aumentando il miliardo di coesione".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.