Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

PECHINO - La ministra degli esteri elvetica Micheline Calmy-Rey è giunta oggi a Pechino, proveniente da Shanghai, dove ieri ha visitato l'esposizione universale. Nella capitale cinese Calmy-Rey ha incontrato il primo vice-premier Li Keqiang e la comunità svizzera del posto. Domani vedrà l'omologo Yang Jiechi.
Li Keqiang, 52 anni, attualmente è il numero sette della gerarchia del Partito Comunista Cinese (PCC) ed è considerato il più probabile successore di Wen Jiabao a capo del governo, nel 2013, ha indicato all'ATS Lars Knuchel, portavoce del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE).
La responsabile della diplomazia elvetica e il vicepremier cinese, oltre che di relazioni bilaterali, hanno discusso di questioni di attualità internazionale, dell'impegno comune dei rispettivi Paesi in seno alle istituzioni multilaterali (in particolare l'ONU), "dove c'è grande interesse a cooperare", ha aggiunto Knuchel.
La responsabile del DFAE ha fra l'altro ricordato che la Svizzera, 60 anni or sono, è stata uno dei primi Paesi a riconoscere la Repubblica Popolare di Cina.
Calmy-Rey a Pechino ha anche fatto tappa all'esposizione su Einstein, organizzata dal Museo storico di Berna grazie alla collaborazione di Presenza Svizzera. L'esposizione rimarrà in Cina fino al 2012. Dopo Pechino, andrà a Canton, Hong Kong e Shanghai.

SDA-ATS