Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

GINEVRA - Micheline Calmy-Rey vuole consolidare la posizione di Ginevra come centro della "governance" mondiale: di fronte alla concorrenza di altre città la Svizzera è disposta a investire centinaia di milioni di franchi supplementari, ha dichiarato oggi la presidente della Confederazione e ministra degli esteri in un incontro con la stampa al locale Club suisse de la presse.
"La Ginevra internazionale è uno strumento precipuo della politica estera della Svizzera e un vantaggio prezioso", ha affermato la consigliera federale. Tra le sfide da affrontare, ha citato la concorrenza, fattasi più viva, di altre città e la necessità di ristrutturare stabili in cattivo stato.
"Bisogna trovare i mezzi per consolidare Ginevra come centro della governance mondiale", ha rilevato la Calmy-Rey. La partecipazione finanziaria della Svizzera sarà "condizionata a un impegno delle organizzazioni internazionali", da tradursi in "un fondo di ristrutturazione alimentato regolarmente" e nell'obbligo di rimborsare i prestiti della Confederazione prima che ne siano decisi di nuovi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS