Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

PECHINO - La Cina renderà "più flessibile" la sua valuta, lo yuan. Lo afferma oggi la Banca centrale cinese in una nota. La Cina sta subendo forti pressioni, in particolare dagli Usa, per aumentare il valore dello yuan in modo da correggere gli squilibri nel commercio internazionale e favorire la ripresa economica.
La decisione di rendere "più flessibile" il tasso di cambio dello yuan, afferma la People's Bank of China in un comunicato diffuso sul suo sito web, è stata presa considerando che "l'economia globale si sta gradualmente riprendendo". "La ripresa e la crescita dell'economia cinese ha acquistato solidità con il rafforzamento della stabilità economica", prosegue il comunicato. Di conseguenza, "è desiderabile procedere ulteriormente con la riforma del tasso di cambio del reminbi (un altro nome dello yuan) e incrementare la flessibilità del tasso di cambio".
La Banca centrale cinese precisa che "un'enfasi costante verrà messa nel riflettere l'offerta e la domanda del mercato in riferimento ad un 'paniere' di monete. La fascia di oscillazione rimarrà la stessa che è stata annunciata in precedenza sul mercato interbancario delle valute".
Secondo la People's Bank, inoltre, il surplus commerciale cinese si è "notevolmente" ridotto nel 2010, e quindi "non esistono le basi per un aumento su larga scala del tasso di cambio del reminbi". Parole queste che sembrano indicare la volontà di procedere ad un contenuto aumento del tasso di cambio della valuta cinese.
Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha reagito affermando che la decisione "è un passo costruttivo che può contribuire a salvaguardare la ripresa e contribuire ad una economia globale più equilibrata".
Anche la Commissione europea plaude alla decisione presa dalle autorità monetarie cinesi: essa "aiuterà il raggiungimento di una crescita più sostenibile dell'economia globale, contribuendo a ridurre gli squilibri esterni e a rafforzare la stabilità del sistema monetario e finanziario internazionale". La decisione "avrà anche effetti positivi per la zona euro".

SDA-ATS