Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il tribunale misto dell'Onu a Phnom Penh ha condannato all'ergastolo Nuon Chea e Khieu Samphan, i due più alti ex leader dei Khmer rossi ancora in vita, per crimini contro l'umanità relativi all'evacuazione forzata della capitale cambogiana nel 1975.

L'ideologo del regime Nuon Chea (88 anni) è stato riconosciuto colpevole per "crimini contro l'umanità, sterminio e atti disumani" durante e dopo la presa di Phnom Penh, mentre l'ex capo di stato Khieu Samphan (83) è stato condannato per aver preso parte all'attuazione di tali crimini, pur senza averli ordinati.

I due imputati erano presenti in aula al momento della sentenza. Al "fratello numero due" Nuon Chea è stato concesso di non ascoltare il verdetto in piedi, a causa delle sue deboli condizioni di salute.

La sentenza porta a conclusione il primo procedimento contro i due ex leader, in carcere già dal 2007. Un secondo processo contro i due, relativo alle accuse di genocidio contro la minoranza vietnamita e la comunità musulmana Cham, ha visto la sua prima udienza la settimana scorsa.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS