Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il dibattito sul preventivo della Confederazione si è concluso oggi al termine di un lungo braccio di ferro. Dopo aver ceduto agli Stati, rinunciando a tagliare 50 milioni di franchi tra il personale della Confederazione, il Nazionale ha tuttavia ribadito la volontà di alleggerire di 150 milioni di franchi il comparto "beni e servizi". Il compromesso elaborato dalla conferenza di conciliazione - 8 milioni in più quale aiuto all'export di prodotti agricoli lavorati in cambio di una rinuncia a una decurtazione lineare nell'amministrazione - è stato infatti bocciato dalla Camera del popolo, mentre gli Stati l'avevano approvato a larga maggioranza. Invece di un deficit di 37 milioni, il budget 2014 prevede un'eccedenza di 121 milioni.

Bocciando per 95 voti a 93 e 3 astenuti la soluzione di compromesso, il Nazionale ha fatto in modo che passasse la versione più favorevole del preventivo. Questa Camera ha quindi preferito 150 milioni di risparmi, a 8 milioni supplementari per il sostegno all'export di prodotti agricoli lavorati (70 milioni).

Il budget prevede entrate per 66,245 miliardi, in crescita del 2,7%, e uscite per 66,124 miliardi, pari a un incremento dell'1,9%. I 150 milioni risparmiati rappresentano il 3,4% circa delle spese per beni e servizi (4,5 miliardi).

La scure dei risparmi ha graziato il personale della Confederazione, benché anche qui il Nazionale avrebbe voluto sforbiciare almeno 50 milioni, somma giudicata modesta visto che rappresentava un po' meno dell'1% dell'ammontare globale (5,4 miliardi). Per PLR, Verdi liberali e soprattutto UDC, si trattava di un sacrificio sopportabile, di un colpo di freno all'espansione del personale federale registrata negli ultimi anni.

Alla fine, tuttavia, la camera del popolo ha rinunciato vista la fermezza degli Stati e della Consigliera federale Eveline Widmer-Schlumpf.

Prima di affrontare il budget, il Nazionale è riuscito a rinviare la Consiglio federale un pacchetto di consolidamento e verifica dei compiti che prevedeva risparmi per 700 milioni all'anno dal 2014 al 2016.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS