Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il boss del clan di camorra dei Casalesi Antonio Iovine, conosciuto come 'o ninno, ha deciso di collaborare con la Procura della Repubblica di Napoli. Iovine - riferiscono alcuni quotidiani - da qualche giorno ha cominciato a ricostruire con i magistrati della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli le attività e i rapporti di uno dei più potenti clan di camorra, dalla gestione delle attività criminali, alle guerre fra clan e ai rapporti con esponenti politici.

Iovine, che ha 50 anni, è considerato uno dei quattro capi del clan dei Casalesi, insieme a Francesco Bidognetti, Francesco Schiavone (conosciuto come Sandokan) e Michele Zagaria. Condannato all'ergastolo in via definitiva al termine del processo "Spartacus", il più importante contro i Casalesi, Iovine è stato arrestato dalla polizia, dopo 15 anni di latitanza, nell'autunno del 2010 in un covo in una casa di Casal di Principe e per quattro anni è stato detenuto in regime di carcere duro.

Lunedì scorso, nel processo per le intimidazioni (nel marzo 2008) nei riguardi dello scrittore Roberto Saviano e della giornalista Rosaria Capacchione, ora deputata del Pd, il pm di Napoli Antonello Ardituro ha chiesto la condanna di Francesco Bidognetti e degli avvocati Michele Santonastaso e Carmine D'Aniello (un anno e sei mesi di reclusione ciascuno) e l'assoluzione di Antonio Iovine, "non perché non sia certo della sua colpevolezza - ha spiegato il pm - ma perché non c'è la possibilità di dimostrarlo".

SDA-ATS