Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Svelato il programma della 67esima edizione del festival di Cannes, in programma dal 14 al 25 maggio. Nel concorso cinematografico, la parte del leone la fanno i francesi con ben cinque titoli. A sorpresa nella selezione ufficiale c'è anche il nuovo film di Jean Luc Godard, 'Adieu au Langage'. Tra le 18 pellicole in gara, quella dell'italiana Alice Rohrwacher con Le Meraviglie, coprodotto dalla Amka Films di Savosa e dalla RSI, i nuovi film dei fratelli Dardenne, di Ken Loach, Mike Leigh, Olivier Assayas, Bertrand Bonello (su Ysl), David Cronenberg e il western di Tommy Lee Jones. Anche il film di Assayas è una coproduzione elvetica.

L'apertura sarà per 'Grace de Monaco' di Oliver Dahan, con Nicole Kidman; 'Adieu au langagè di Jean-Luc Godard, redivivo e in 3D; 'Sils Maria' di Olivier Assayas; 'Saint Laurent', un altro biopic di YSL, firmato da Bertrand Bonello; 'The Search', il ritorno di Michel Hazanavicius dopo il successo di The Artist.

La produzione anglo-canadese presenta di altri cinque titoli: gli inglesi 'Jimmy's hall' di Ken Loach e 'Mr Turner' di Mike Leigh, sul celebre pittore, e i canadesi 'Captives' di Atom Egoyan, 'Maps to the stars' di David Cronenberg e 'Mommy', il film "audace, barocco" - parola del direttore del festival Thierry Fremaux - del 25enne Xavier Dolan.

Come lui parlano francese anche i belgi fratelli Dardenne, in Concorso con Marion Cotillard e 'Deux jours, une nuit', che sempre Fremaux definisce un "western belga".

Gli americani in concorso per la Palma sono 'The homesman' di Tommy Lee Jones e 'Foxcatcher' di Bennett Miller.

Vecchia conoscenza di Cannes il turco Nuri Bilge Ceylan con 'Kis Uykusu (sommeil d'hiver)', lungo ben tre ore e 16 minuti, nonché Naomi Kawase con 'Futatsume no mado (deux fenêtres)'.

Completano il cartellone del concorso: 'Le meraviglie di Alice Rohrwacher, seconda donna in concorso; 'Relatos salvajes (wild tales)' dell'argentino Damian Szifron, "surrealismo sul Rio de la Plata"; 'Leviathan' del russo Andrey Zvyagintsev (Il ritorno) e 'Timbuktù' del regista mauritano Abderrahmane Sissako.

Ai 18 titoli per la Palma se ne potrebbe aggiungere un 19esimo.

Fuori Concorso è invece 'Gui Lai' di Zhang Yimou, con Gong Li, e il sequel d'animazione 'Dragon Trainer 2' di Dean Deblois, "in omaggio alla DreamWorks".

Per finire, un altro omaggio, per i 70 anni del celebre quotidiano Le Monde: 'Les Gens du monde' di Yves Jeuland.

SDA-ATS