Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I cantoni alpini non devono rinunciare ai canoni d'acqua per aiutare le società elettriche attualmente alla prese con una precaria situazione: lo afferma il consigliere di stato grigionese Mario Cavigelli in un'intervista pubblicata oggi dalla NZZ am Sonntag.

Confrontato con l'esempio di Berna, che sta pensando di abbassare i tributi richiesti, Cavigelli invita a non confondere le mele con le pere. A suo avviso così facendo Berna sosterrebbe infatti la BKW, cioè una propria azienda: diverso invece sarebbe il discorso altrove.

"Se noi rinunciassimo ai canoni d'acqua favoriremmo gruppi che hanno la loro sede sull'Altopiano e di cui non siamo proprietari", ha spiegato il presidente della Conferenza dei governi del cantoni alpini.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS