Navigation

Capo esercito: "ben oltre 100 richieste a esercito"

Il capo delle forze armate Thomas Süssli (foto d'archivio) KEYSTONE/ANTHONY ANEX sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 22 marzo 2020 - 10:25
(Keystone-ATS)

I membri dell'esercito, che nei Cantoni offrono servizio di assistenza nella lotta contro il coronavirus, sono sempre più richiesti. Da tutto il Paese sono già giunte ben oltre 100 domande.

Lo ha dichiarato in un'intervista al SonntagsBlick" il capo delle forze armate Thomas Süssli.

Al momento, ha detto, ci sono circa 200 membri dell'esercito in azione. Sino alla fine della settimana erano stati richiamati 2000 membri dell'esercito. Questi sono pronti ad essere impiegati dopo aver rinfrescato la loro formazione per quattro giorni, ha precisato.

Inoltre, ci sono i laureati delle scuole di reclutamento sanitarie e ospedaliere, che finiranno presto la loro formazione specialistica. "Ciò significa che la prossima settimana o quella dopo avremo circa 3'000 membri dell'esercito che potranno alleviare il lavoro del personale degli ospedali", ha detto Süssli. Anche il Corpo delle guardie di frontiera ha presentato una richiesta di supporto all'esercito.

La settimana scorsa l'esercito ha annunciato che avrebbe acquistato 900 nuovi respiratori oltre ai 100 già disponibili. Una prima consegna di 50 apparecchi è arrivata venerdì, ha detto Süssli. L'assegnazione dell'equipaggiamento ai Cantoni non è tuttavia decisa dall'esercito, ma dallo Stato maggiore federale Protezione della popolazione, ha precisato.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.