Navigation

Capo forze armate Usa si scusa per passeggiata con Trump

"La mia presenza in quel momento e in quel contesto ha creato la percezione di un coinvolgimento dell'esercito nella politica interna", afferma il generale Mike Milley (a destra). Keystone/AP/PATRICK SEMANSKY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 11 giugno 2020 - 16:21
(Keystone-ATS)

Il capo di Stato maggiore delle forze armate americane, il generale Mark Milley, ha chiesto scusa per aver partecipato alla passeggiata del presidente Donald Trump davanti alla Casa Bianca conclusasi con la controversa foto del tycoon con la Bibbia in mano.

"Non avrei dovuto essere lì", afferma Milley in un video. Poco prima l'area era stata sgomberata con la polizia che ha lanciato lacrimogeni e pallottole di gomma contro i manifestanti pacifici.

"La mia presenza in quel momento e in quel contesto ha creato la percezione di un coinvolgimento dell'esercito nella politica interna", afferma Milley nel video in cui si rivolge agli studenti della National Defense University.

"È stato uno sbaglio dal quale ho imparato la lezione", aggiunge l'alto ufficiale, che si dice "arrabbiato per l'uccisione brutale e senza senso di George Floyd", ribadendo come si sia opposto all'idea del presidente di schierare l'esercito contro le proteste.

Milley, 61 anni, è stato nominato da Trump capo di Stato maggiore delle forze armate congiunte statunitensi nel dicembre del 2018, dopo essere stato capo di Stato maggiore dell'esercito dal 2015.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.