Navigation

Cargo svizzero attaccato nel Mar Arabico

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 gennaio 2010 - 20:41
(Keystone-ATS)

BERNA - Per la prima volta un cargo svizzero è stato attaccato da pirati nel Mar Arabico. Il "Turicum" è stato seguito per sette ore mercoledì scorso ma è riuscito a respingere, senza aiuto di terzi, le manovre di abbordaggio di tre motovedette. Non vi sono feriti.
L'attacco è avvenuto a circa cinque miglia nautiche ad est della zona coperta dalla missione anti-pirateria europea "Atalanta", ha indicato oggi all'ATS il capo di Stato maggiore presso l'Ufficio federale per l'approvvigionamento economico del paese (UFAE) Michael Eichmann.
Lunga 190 metri e larga 30,5, la nave appartiene all'armatore Zürich. Trasportava legno ed era molto carica, costituendo così "una vittima ideale", ha precisato Eichmann.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.