Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Caritas svizzera partecipa ad un programma di approvvigionamento urgente per 45'000 sfollati di Aleppo giunti nella terra di nessuno al confine con la Turchia.

L'ong cattolica continua inoltre a distribuire ogni giorno un pasto caldo a 6300 persone che abitano nell'antichissima città del nord della Siria.

Un'associazione partner di Caritas - precisa in un comunicato odierno - fornisce pacchi di alimentari per 9000 famiglie, sufficienti a coprire i bisogni di base di cinque persone per un mese. I nuovi arrivati ricevono utensili per cucinare e fornelli a gas. Ogni giorno è inoltre distribuito pane, nonché un pasto caldo per le persone particolarmente indebolite. Vista l'urgenza delle necessità, Caritas svizzera sostiene questo programma con 100'000 franchi.

Ad Aleppo - ricorda la ong - rimangono ancora molte centinaia di persone, malgrado l'intensità dei bombardamenti e dei combattimenti strada per strada. Le vie di fuga e di rifornimento sono sempre più precarie. Da un anno Caritas svizzera organizza con i partner ecclesiastici locali una "mensa popolare": cinque volte alla settimana è servito un pasto caldo a 6300 persone. Questo programma, finanziato con un milione di franchi, "continua a funzionare malgrado l'aggravamento della situazione e i grandi pericoli a cui sono esposti i collaboratori", sottolinea la nota odierna.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS