Navigation

Carlo pensa 'taglio' reali attivi in vita pubblica

Il principe Carlo vuole ridurre il numero dei membri della famiglia reale attivi nella vita pubblica. KEYSTONE/AP POOL Reuters/TRACEY NEARMY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 01 dicembre 2019 - 16:31
(Keystone-ATS)

Il principe Carlo pensa di ridurre drasticamente il numero dei membri della famiglia reale attivi nella vita pubblica quando diventerà re.

Lo scrive il Daily Star, secondo cui - alla luce dello scandalo Epstein che ha travolto il principe Andrea - la ristretta cerchia di reali includerà solo i principi William ed Harry, le loro consorti ed i loro figli.

L'erede al trono 71enne, riporta il tabloid, vuole da tempo 'snellire' il numero di reali impegnati nella vita pubblica e sembra che lo scandalo che il mese scorso ha costretto Andrea a farsi da parte abbia dato un colpo di acceleratore ai suoi piani.

Sempre secondo il giornale, il principe del Galles ha avuto un incontro a Sandringham con il padre - il principe Filippo - la settimana scorsa, durante il quale i due avrebbero parlato del 'pensionamento' della regina nei prossimi 18 mesi.

In questo quadro, Carlo potrebbe assumere il ruolo di Principe Reggente, per cui prenderebbe la gestione degli affari familiari e di quelli quotidiani di cui si occupa adesso la regina 93enne.

Anche il leader laburista Jeremy Corbyn, riporta il giornale, ritiene che la famiglia reale sia troppo numerosa.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.