Navigation

Carlos dovrà seguire una terapia

Scatta una terapia, non l'internamento ordinario. KEYSTONE/LINDA GRAEDEL sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 06 novembre 2019 - 16:51
(Keystone-ATS)

Processato a Zurigo per una serie di aggressioni ai danni di secondini, poliziotti e altri detenuti, il giovane delinquente noto con il soprannome di "Carlos" dovrà seguire una terapia stazionaria in una struttura chiusa.

Il Tribunale distrettuale di Dielsdorf (ZH), che per motivi di spazio si è riunito a Zurigo, ha fissato oggi una pena di 4 anni e nove mesi di detenzione, ma la condanna è stata sospesa in favore di una misura terapeutica stazionaria.

Il 24enne "Carlos" - che oggi preferisce essere chiamato con il suo nome di battesimo, ossia Brian - doveva rispondere in questo processo alle accuse di danneggiamento, lesioni personali gravi nonché minacce e violenza contro le autorità e funzionari.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.