Navigation

Case sempre più care, fornitori ipotecari più flessibili

I fornitori di ipoteche sono sempre più spesso obbligati a mostrare una certa flessibilità nei criteri per la concessione dei prestiti. Immagine d'archivio. KEYSTONE/WALTER BIERI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 13 gennaio 2020 - 11:20
(Keystone-ATS)

I prezzi delle case in Svizzera sono sempre più elevati. Per questa ragione i fornitori di ipoteche sono sempre più sovente obbligati a mostrare una certa flessibilità nei criteri per la concessione dei prestiti, secondo un sondaggio effettuato da Moneypark.

Negli ultimi dieci anni, si legge in un comunicato odierno, i prezzi immobiliari sono aumentati il quintuplo degli stipendi, in alcuni casi anche di più. Proprio per questo le aziende attive nel settore mostrano più flessibilità: oltre il 40% di coloro che acquistano sorpassano il limite abituale di sostenibilità del 33%.

Il fenomeno è presente in tutta la Svizzera, anche se la tendenza è maggiore nel nord-ovest del Paese. Se le compagnie di assicurazioni sono molto severe nelle loro concessioni, casse pensioni, fondazioni e anche certe banche sono più disponibili al compromesso, secondo Moneypark.

Un acquirente che si dovesse trovare in una tale situazione non deve quindi arrendersi al primo rifiuto di un prestito, poiché un altro fornitore potrebbe mostrarsi più flessibile.

L'analisi è stata effettuata tenendo conto di 500 nuovi finanziamenti da parte di 50 fornitori di ipoteche. Sono stati presi in considerazione solamente i nuovi prestiti per alloggi a uso personale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.