Navigation

Caso Lauber: denuncia penale contro procuratore vallesano Arnold

Il procuratore generale della Confederazione Michae Lauber (foto d'archivio) KEYSTONE/PETER SCHNEIDER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 17 giugno 2020 - 17:13
(Keystone-ATS)

Nuova denuncia penale - la quarta - nell'ambito della vicenda relativa agli incontri non protocollati del procuratore generale della Confederazione Michael Lauber con il presidente della FIFA Gianni Infantino.

Diretta contro il procuratore dell'Alto Vallese Rinaldo Arnold essa è stata presentata dal presidente del PS alto vallesano Gilbert Truffer.

Questi ha confermato oggi a Keystone-ATS una notizia in tal senso della Süddeutsche Zeitung e ha dichiarato che la denuncia riguarda il sospetto di istigazione alla violazione del segreto d'ufficio.

Ha depositato la denuncia lunedì al Ministero pubblico del cantone di Berna, in quanto riguarda gli incontri che sarebbero avvenuti a Berna. Truffer ritiene che nell'Alto Vallese il ruolo del procuratore Arnold nell'intera vicenda sia sottovalutato.

Arnold era il messaggero di Infantino

Come aveva detto Michael Lauber ai media nel novembre 2018, Arnold aveva trasmesso al responsabile dell'informazione del Ministero pubblico della Confederazione (MPC) il desiderio del vallesano Gianni Infantino di incontrare Lauber. La richiesta era stata avanzata dopo l'elezione di Infantino a nuovo presidente della Federazione internazionale di calcio (FIFA).

Al primo incontro tra Infantino e Lauber ha partecipato, secondo quest'ultimo anche Arnold. Nel marzo 2020 l'Autorità di vigilanza sul Ministero pubblico della Confederazione (AV-MPC), ha scritto che, il permettere ad Arnold di partecipare agli incontri con FIFA, aveva "creato il pericolo di una violazione del segreto d'ufficio".

Arnold, contattato oggi da Keystone-ATS, ha detto di aver preso atto della denuncia. Egli ha sottolineato che un anno fa un procuratore straordinario del cantone del Vallese ha rinunciato a un procedimento penale contro di lui in relazione al caso Lauber. In quel caso l'accusa era di accettazione di vantaggi, persino corruzione passiva da parte di FIFA.

La giustizia bernese ha sporto denuncia

Le tre denunce penali nell'ambio del caso Lauber-Infantino finora note sono state recentemente presentate all'Assemblea federale dal Ministero pubblico del canton Berna. Due erano dirette contro Lauber e una contro Infantino.

Qualche giorno fa i presidenti delle Camere federali hanno chiesto all'Autorità di vigilanza sul Ministero pubblico della Confederazione di nominare un procuratore generale straordinario per il caso Lauber.

Il magistrato avrà il compito di esaminare le tre denunce penali esistenti e di determinare se le condizioni per l'apertura di un'inchiesta penale siano soddisfatte.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.